ITA ENG
Iscriviti alla nostra newsletter
10/12/2012

Acquisti natalizi: un italiano su cinque comprerà i regali online

Acquisti online Natale 2012Prezzi più convenienti, maggiore possibilità di scelta e meno stress: questi tre dei motivi che spingeranno gli italiani ad affidarsi al web per i regali di Natale. Lo svela una ricerca condotta da Netcomm, Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, in collaborazione con Human Highway.

Anche in occasione delle festività natalizie, dunque, l'e-commerce  fornisce dati positivi e soprattutto un trend in costante crescita: coloro che acquisteranno regali natalizi su Internet passano dal 37% del 2011 al 44% di quest’anno: in pratica più di 5 milioni di persone, 1 navigatore su 5, un italiano over 18 su 10 e 500mila connazionali in più rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

Aumentano, così, di pari passo, sia i volumi di vendita – che nel 2012 dovrebbero abbondantemente superare i 10 miliardi di euro – sia le transazioni sul web, con un + 15%. Cala, invece, il numero degli indecisi che diffidano del web per i propri acquisti: dal 41,6% dello scorso anno si passa al 24,1%. Un'ulteriore conferma della fiducia che gli italiani – in numero sempre crescente – accordano allo strumento telematico.

Il dato riportato da Netcomm sembra andare in controtendenza rispetto al mercato degli acquisti offline che subiranno invece una contrazione a causa della recessione economica del Paese: il Web sembra offrire agli italiani una concreta possibilità di risparmiare e di confrontare le varie offerte in maniera semplice e immediata. Nonostante la crisi economica faccia tirare sempre più la cinghia alle famiglie italiane, il 34,5% degli acquirenti online acquisterà più regali dell'anno scorso.

Ma cosa regaleranno quest'anno gli internauti? L’86% capi d’abbigliamento necessari, soprattutto per i figli, o libri, abbonamenti a riviste ed e-book, cesti natalizi. Seguono i prodotti hi-tech (53,5%), come smartphone e giochi per il computer, che catturano sempre l’interesse dei più giovani, soprattutto tra gli intervistati maschili. Non mancano i buoni acquisto (10,5%), scelti da chi ha poco tempo, voglia e fantasia e preferisce lasciare la possibilità di scelta al destinatario del presente.